Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

donna che apre il frigo

Quante volte hai pensato di riodinare il frigorifero ma hai finito per rimandare per il troppo caos? Barattoli, vasi, vasetti, bottiglie e alimenti di ogni genere si accumulano senza una logica, e spesso rimangono nascosti sul fondo ben oltre la data di scadenza. Per evitare questo scenario sconfortante bisogna chiedersi come organizzare il frigo nel modo giusto. In questo articolo parliamo proprio di questo: scopri come tenere in ordine gli alimenti, cosa va in frigo e cosa no, qual è la temperatura ideale e qualche trucco per tenere il frigo pulito e ordinato. Per evitare di buttare del cibo e prevenire muffe e batteri basta davvero poco!

Cosa mettere in frigo?

Molti pensano che tutti gli alimenti, se messi in frigo, durino più a lungo. In realtà non tutti gli alimenti sono adatti per la conservazione a basse temperature, anzi, alcuni durano persino meno diventando presto immangiabili. Per frutta e verdura l’indicazione generale è qesta: le varietà coltivate in zona possono essere conservate in frigorifero, mentre le varietà esotiche stanno meglio a temperatura ambiente. Ci sono però alcune eccezioni. Ecco qualche suggerimento utile:

  • L’uva e i frutti di bosco amano il freddo, così si mantengono croccanti.
  • In frigorifero i datteri si mantengono succosi.
  • I funghi freschi durano qualche giorno di più se riposti in frigo.
  • I broccoli e i cavolfiori resistono meglio in frigorifero.
  • L’insalata a foglia larga deve essere conservata nello scomparto inferiore delle verdure per mantenerla fresca e croccante.

Un consiglio: il frigorifero può essere utilizzato anche per riporvi i cosmetici. Sieri e creme lasciano uno strato di freschezza sulla pelle e lo smalto per unghie dura più a lungo se conservato in frigorifero.

Quali sono invece gli alimenti che è meglio non mettere in frigo? Ecco una panoramica.

E cosa NON mettere in frigo:

  • I pomodori odiano il freddo: i pomodori perdono il loro gusto in frigorifero. Mettili in una ciotola sul piano della cucina: diventeranno una bella decorazione naturale!
  • Le cipolle diventano acquose: se le cipolle sono conservate in frigorifero, attirano l’acqua. In questo ambiente, anche l’aglio fa in fretta la muffa. Per questi alimenti è meglio un posto asciutto.
  • Gli avocado rimangono duri: per farli maturare è meglio tenerli fuori dal frigo, così saranno presto pronti per il guacamole!
  • Lo stesso vale anche per le banane: in frigo tendono a diventare nere e molle, ma non maturano correttamente.
  • Il miele: perde la sua cremosità perché cristallizza al freddo. Per gustare l’oro liquido sul pane o nel tè al mattino, si consiglia di conservare il miele in una credenza a temperatura ambiente.

Come organizzare il frigo: disposizione degli alimenti

Organizzare il frigorifero in modo strategico è la chiave per evitare gli sprechi. Basta vasi di cibo scaduto dal 2016 che nemmeno ricordavi di avere: se metti ogni cosa al suo posto sarà più facile tenere sotto controllo la situazione. Inoltre, devi sapere che c’è un posto giusto per ogni alimento: i diversi comparti del frigorifero hanno diverse temperature (zone fredde) e, mettendo gli alimenti al posto giusto, aumenta il loro tempo di conservazione. Ecco qualche consiglio sulla corretta disposizione degli alimenti.

Ogni cosa al suo posto:

  • Latte e panna: vanno posizionati in alto, nel punto più freddo, così si conserveranno più a lungo.
  • Formaggi freschi nel ripiano medio, formaggi stagionati più in basso.
  • Affettati, sughi e cibi già cotti o aperti vanno posizionati sul ripiano di mezzo chiusi in appositi contenitori.
  • Uova: lasciale sempre nella confezione per proteggerle dalla condensa o mettile nel contenitore apposito.
  • Salse aperte: metti delle etichette ai barattoli e tienile bene in vista su un ripiano dello sportello.
  • Frutta e verdura: negli appositi cassetti in basso. Ricorda che le mele permettono ad altri tipi di frutta e verdura di maturare più velocemente se riposti vicino. Pertanto, si consiglia di conservarle separatamente.
  • Condimenti, succhi, acqua e bibite sui ripiani della porta, che è il punto più caldo del frigo.

Come organizzare il frigo: regole generali

Oltre a disporre gli alimenti in modo corretto, ci sono alcune regole base da seguire per tenere in ordine il frigorifero.

7 regole base:

  1. Non sovraccaricare il frigo

    Evita di riempire troppo il frigorifero: il raffreddamento sarà più efficiente e consumerai meno energia elettrica!

  2. Chiudi sempre lo sportello

    Tieni aperto il frigo il meno possibile e non lasciare lo sportello aperto inutilmente. In questo modo la temperatura resterà più stabile e gli alimenti non ne risentiranno.

  3. Attenzione alle date di scadenza

    Cerca di consumare il cibo fresco in tempi brevi, evitando di superare la data di scadenza. Un buon metodo per non dimenticarsi nulla è quello di riporre i cibi più recenti dietro a quelli che erano già in frigo da un po’.

  4. Lascia raffreddare gli avanzi

    Prima di riporre in frigorifero il cibo avanzato aspetta che si raffreddi, così non comprometterai la temperatura interna del frigo.

  5. Separa gli alimenti crudi da quelli cotti

    Così eviterai la cross-contaminazione: i micro-organismi presenti negli alimenti crudi non si trasferiranno a quelli già cotti.

  6. Imposta la temperatura corretta

    Per conservare gli alimenti nel modo giusto, il frigo deve avere una temperatura stabile intorno ai 4 gradi.

  7. Pulisci regolarmente il frigo

    In questo modo è possibile eliminare i residui di cibo, avere una visione d’insieme degli alimenti ed evitare il proliferare di germi e batteri.

Consigli per la pulizia del frigo

Per evitare l’accumulo di germi o odori indesiderati è importante pulire il frigo con regolarità, quindi, quando programmi le pulizie di casa, non scordartene! Una pulizia generale settimanale (o al massimo ogni due settimane) ti permette di fare le pulizie di fondo con meno frequenza e più facilità. Normalmente è sufficiente utilizzare i comuni dtergenti che si trovano in commercio, oppure dei metodi casalinghi e naturali come ad esempio l’aceto o il limone. Entrambe le opzioni eliminano gli odori, puliscono e disinfettano le superfici.

Inoltre, non dimenticare di sbrinare il freezer: consigliamo di farlo almeno due volte all’anno.

Ora non ti resta che rimboccarti le maniche e metterti al lavoro! E se stai pensando di cambiare il frigorifero, qui trovi qualche consiglio per scegliere quello giusto in base alle tue esigenze: Come scegliere il miglior frigorifero

banner guide e consigli