08.03.2021 Consegne regolari su tutto il territorio nazionale

Arredare mini appartamento

Alzi la mano chi non ha trascorso la sua prima esperienza di vita in solitaria o in coppia in un monolocale o in un piccolo bilocale. Beh, ci siamo passati più o meno tutti. In fondo è la soluzione migliore e più economica per chi cerca un’abitazione in centro città vicino all’università o magari al posto di lavoro. Ma come arredare un mini appartamento? C’è spesso una tendenza a trascurare queste tipologie abitative. Il pensiero più comune è: «Tanto non sarà la casa della mia vita!». Nonostante tutto in quei piccoli “blocchi abitativi” passiamo alcuni anni della nostra vita. Un tempo da non sottovalutare e rendere il più confortevole possibile imparando a gestire intelligentemente lo spazio e scegliendo gli arredi tagliati sulle nostre esigenze. Nelle prossime righe perciò troverai tante idee e utili consigli su come arredare un mini appartamento e soprattutto su come imparare ad apprezzarlo.

Come arredare un mini appartamento? 5 idee

La prima regola da tenere a mente quando si decide di arredare un mini appartamento è indubbiamente quella di ottimizzare lo spazio. In una tipologia abitativa così piccola ingombro e disordine diventano i tuoi peggior nemici. In soli 40, massimo 50 metri quadri, devi essere in grado di ricreare un ambiente accogliente e confortevole. Non temere, non è affatto un impresa impossibile! Qui di seguito cinque brillanti idee per donare carattere al tuo mini appartamento.

Industrial con un tocco vintage

Lo stile industrial è una delle tendenze di arredo maggiormente in voga negli ultimi anni. La sua caratteristica è quella di mixare elementi “industriali” dal forte carattere con pezzi classici, molto spesso vintage. Potrebbe essere la soluzione ideale anche per arredare un mini appartamento. Come?

Potresti scegliere una cucina bianca dalla linee classiche disposta lungo una parete bianca, ma con i mattoni a vista pronti a sottolineare l’ambientazione industrial. Una disposizione che aumenta certamente la luminosità dell’appartamento e aiuta a percepirlo come più grande. Ad interrompere il candore del bianco può essere una parete-lavagna utilizzatissima in questa forma design. Ultimo tocco personale invece potrebbe essere un frigorifero vintage con un colore acceso, come ad esempio il rosso.

Ultra minimalista

La regola principale di un concept minimalista è “less is more”. Una regola che si sposa perfettamente in un mini appartamento, dove lo spazio è risicato e bisogna ingombrare il meno possibile. Lo stile minimal si caratterizza per linee geometriche e leggere. A dominare lo scenario sono i colori tenui, in particolare il bianco e il grigio, i quali permettono di donare all’ambiente una sensazione di ariosità.

Arredare un mini appartamento in stile minimal significa anche dare grande importanza alla luce naturale. Infatti si progetta il tutto partendo proprio dalla fonte principale – la finestra più grande o una vetrata – e disponendo gli elementi di arredo intorno ad essa in maniera tale che i raggi di luce non vengano ostacolati. La leggerezza dell’ambiente si denota anche attraverso divisori poco invadenti come ad esempio gli affascinanti pannelli in vetro per dividere l’area giorno dalla zona notte.

Stile nordico

Un po’ come nello stile minimal, anche in quello nordico il protagonista principale dello spazio è la luce. Proprio per tale motivo, il colore principale è quasi sempre il total white che caratterizza pavimenti e pareti.

Tuttavia per evitare che a lungo andare il bianco annoi, è possibile giocare con i complementi d’arredo. Tra questi non possono mancare assolutamente elementi in legno, materiale naturale che amplia la sensazione di calore e accoglienza all’interno del mini appartamento. Altrettanto importanti sono i tessuti, possibilmente caratterizzati da fibre naturali. Qui, sbizzarrisciti con tutti quei colori in grado di creare armonia: verde acqua, blu navy, beige e tant’altro. Infine non dimenticare un tocco di verde: disponi qualche piccola pianta nella zona cucina e nel living per portare tra le mura domestiche un soffio di natura.

Mix di stili

Arredare un mini appartamento può significare anche osare. In che modo? Mixando stili diversi. Un classico pavimento in cotto e un soffitto con le travi a vista potrebbe incontrarsi con un lampadario a sospensione dalle linee industrial. Potresti invece goderti il meritato relax al termine di una lunga giornata lavorativa su un divano ad angolo dalle forme sinuose e moderne oppure su una poltrona di design.

È possibile mescolare più stili, ma ricordati di equilibrare il tutto. Scegli per gli elementi di arredo tonalità simili che possano dare una sensazione di continuità tra gli spazi della casa. Così, anche in questo “melting pot” di arredi non ci sarà nulla fuori posto!

Rustico e accogliente

Un ambiente rustico si può riassumere con la parola accoglienza. È la sensazione che trasmette a prima vista. Tutto ciò è possibile grazie all’utilizzo di elementi naturali, uno su tutti il legno. Un must per un appartamento rustico sono le travi a vista che ricordano un po’ uno chalet di montagna.

Per i pavimenti invece si possono rispolverare le cementine, piccole piastrelle utilizzate a scopo decorativo nelle case di una volta. Si chiamano così perché vengono ottenute mischiando, acqua, sabbia e calcestruzzo (gli ingredienti del cemento). Stanno tornando di moda e offrono un impatto estetico notevole che aiuta a dare personalità ai pavimenti. Per gli arredi invece spazio al già citato legno, ma anche ad altri materiali naturali, come la pietra.

Pro e contro di un mini appartamento

La scelta di un mini appartamento rappresenta indubbiamente dei vantaggi e degli svantaggi. Solitamente si sceglie questa tipologia abitativa quando si è giovani e non si hanno particolari esigenze di spazio. Monolocali e bilocali inoltre sono la soluzione più economica se si cerca un’abitazione in centro città. Il risparmio non è dato solo dai canoni d’affitto, ma anche dalle utenze. Le bollette per l’energia elettrica e per il riscaldamento sono ovviamente più basse rispetto ad un trilocale!

A livello pratico è anche più semplice gestire un mini appartamento: si pulisce e si riordina in men che non si dica. Ma c’è anche un rovescio della medaglia: per quanto sia facile sistemarlo, è anche un gioco da ragazzi creare disordine e soprattutto quel fastidioso ingombro che rende difficoltoso il movimento in uno spazio così limitato.

I problemi aumentano se il mini appartamento è condiviso con il proprio partner o con un amico. Per ottimizzare lo spazio si tende a ridurre al minimo le pareti divisorie. Se questo escamotage fa sembrare l’appartamento più grande e luminoso da un lato, dall’altro influisce negativamente sulla privacy. Diciamo che in un mini appartamento è molto difficile isolarsi!

Suggerimenti per dividere gli spazi:

Quali colori scegliere?

Nella riflessione su come arredare un mini appartamento la scelta dei colori è un elemento fondamentale. La tendenza è quella di privilegiare i colori tenui, proprio perché aiutano a riflettere la luce naturale e ad aumentare la percezione dello spazio. Come abbiamo già notato nei paragrafi precedenti quelli più in voga sono il bianco, ma anche il grigio ghiaccio nei concept più moderni. Quest’ultima tonalità oltre a rendere arioso l’ambiente conferisce alle stanze un’eleganza unica e inimitabile.

Tuttavia la scelta non deve essere per forza così limitata. Anche in un mini appartamento è possibile mettere in moto la propria creatività scegliendo colori più vivaci e magari giocando su accostamenti cromatici. Sono concesse tutte quelle tonalità che sprigionano armonia, come ad esempio il verde, il blu chiaro, il tortora, il cipria. Ma è anche possibile virare su colori più caldi come il rosso o l’arancione. L’importante è come sempre equilibrare il tutto.

Ad esempio un colore forte come il rosso, il quale potrebbe appesantire un ambiente limitato come un mini appartamento, può essere scelto per un’unica parete della casa. Altra soluzione è data dallo scegliere colori più accesi e vivaci per le pareti laterali e bilanciarle con un soffitto completamente bianco.

Per decorare le mura del tuo mini appartamento puoi anche osare con la fantasia della carta da parati. Anche in questo caso scegli un’unica parete su cui applicarla. Oltre a dare carattere all’appartamento serve a differenziare gli spazi della casa laddove non sono presenti muri divisori. Ad esempio applicando la carta, ma anche solo tinteggiando la parete con un colore diverso dal resto, ottieni visivamente due aree distinte.

Un ultimo suggerimento è quello di decorare una parete con strisce di colore: se orizzontali aumentano la percezione della larghezza della casa, se verticali invece fanno sembrare lo spazio più lungo.

Suggerimenti:

Hai trovato tutto quello che cercavi su come arredare un mini appartamento? Le nostre idee di però non finiscono qui. Scopri tanti altri utili consigli nella categoria “Appartamento”.

banner arredamento