Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

poltrona bianca con coperta in lana grossa e pouf

La Danimarca è uno dei paesi più felici del mondo. Da anni il popolo danese si posiziona ai primi posti del “World Happiness Report” dell’ONU, ma qual è il segreto di questa felicità? La risposta sta in una parola: “hygge“. Dietro questo termine si nasconde un mondo, una filosofia di vita che coinvolge aspetti diversi e complementari. Tra questi l’ambiente domestico gioca un ruolo centrale: scopriamo la ricetta danese per la felicità e vediamo come creare una casa in stile hygge.

Si pronuncia “ugghe” ed è imposibile da tradurre letteralmente. Il termine hygge indica un senso generale di appagamento e benessere dato dalle piccole cose della vità. Semplicità, intimità, calore e sicurezza sono le parole chiave di questo stile di vita che fa parte del DNA del popolo danese. Per spiegarlo è più efficace ricorrere a un’immagine che alle parole: hai presente quella sensazione che si prova leggendo un libro davanti al camino in una uggiosa giornata invernale? Magari con una calda tazza di tè, un morbido plaid sulle ginocchia e qualche candela accesa? Ecco, quello è un esempio perfetto di hygge. Sarà questa ossessione per tutto ciò che è accogliente a rendere la Danimarca così felice? Senza dubbio ha il suo peso.

Hygge significa tornare all’essenziale dando valore a ciò che conta davvero: il tempo passato con le persone che amiamo e le cose che ci fanno stare bene. La casa, in questo contesto, diventa un nido dove rifugiarsi dal mondo esterno, un’isola felice dove accogliere amici e parenti per condividere momenti significativi. Il popolo danese deve affrontare lunghi mesi di buio e freddo durante l’inverno, per questo, dovendo trascorrere molto tempo in casa, cerca calore e conforto tra le mura domestiche. Vediamo quali sono gli elementi fondamentali di questo stile di vita che ha conquistato il mondo intero.

Colori e materiali per una casa hygge

Colori naturali, legno grezzo e tante candele accese: queste sono le prime tre cose che vengono in mente pensando a una casa in stile hygge.

Il mood generale è tipicamente nordico, con toni neutri, materiali naturali e complementi che aumentano il senso di comfort. I must sono calde coperte in lana, morbidi tappeti su cui camminare scalzi e una luce soffusa che crea un’atmosfera quasi magica.

Beige, crema e marrone sono i colori di base, ma anche il bianco, il nero e il grigio fanno parte di un arredamento in stile hygge. Nulla vieta di aggiungere accenti colorati per creare un po’ più di varietà nella stanza. Classic blue, il colore Pantone 2020, e verde salvia sono due ottime alternative per dare un tocco di personalità soft.

Nello stile hygge il senso del tatto ha un ruolo centrale, per questo si fa molta attenzione alla scelta delle materie prime, che, va da sè, devono essere di qualità. Lana, pelle, legno massello e pietra sono alcuni dei materiali più popolari nelle case hygge. Stai cercando qualche spunto? Ecco alcuni dei nostri pezzi preferiti:

Hygge: idee per ogni zona della casa

Dopo aver visto quali sono le caratteristiche generali dello stile hygge è il momento di entrare nel dettaglio. Se stai pensando di trasformare la tua casa seguendo l’esempio del popolo danese, nei prossimi paragrafi troverai consigli per le varie stanze della casa.

Soggiorno in stile hygge

La zona giorno è il fulcro della casa danese: è qui che si accolgono gli amici per bere insieme una tazza di caffè o un bicchiere di vino. La condivisione fa parte del mood hygge, per questo è importante creare un ambiente che favorisca lo scambio mettendo tutti a proprio agio.

Gli elementi che non possono mancare in un soggiorno hygge sono un ampio divano confortevole, avvolgenti poltrone accompagnate da calde coperte, un tappeto a pelo lungo e tanti cuscini decorativi. E se hai la fortuna di avere un caminetto cerca di accenderlo più spesso che puoi!

Un consiglio: l’illuminazione gioca un ruolo particolarmente importante in questo stile. Scegli una luce calda e soffusa e non dimenticare le candele!

Camera da letto in stile hygge

Se il soggiorno è fatto per la condivisione, la camera da letto è il regno dell’intimità. Elimina il superfluo e mantieni solo ciò che è necessario: un comodo letto con tessili e cuscini in toni neutri, un armadio in legno grezzo, comodini minimalisti e tende in lino per filtrare la luce.

Anche qui presta attenzione alla luce. Oltre a un lampadario con una luce calda, posiziona delle piccole abat-jour sui comodini e, di nuovo, spazio alle candele!

Cucina e sala da pranzo

Qui torniamo nel mondo della convivialità. Se per noi è più comune trovarsi con gli amici a cena fuori, in Danimarca la tendenza è inversa: avere ospiti a casa è molto frequente, e questo si riflette anche negli spazi della casa.

La cucina open space è probabilmente la scelta che meglio rispecchia il mood hygge, perché permette di cucinare e interagire con gli ospiti nello stesso momento. Anche una cucina con isola, magari attrezzata con un comodo bancone e annessi sgabelli, si presta bene al contesto.

In sala da pranzo: un grande tavolo in legno e un buon numero di sedie. In alternativa alle sedie, prova con delle rustiche panche in legno coperte di cuscini. E non scordare di tenere a portata di mano delle pratiche sedie pieghevoli per aggiungere facilmente un posto a tavola!

La ricetta danese per la felicità

Da quello che abbiamo detto finora è evidente che la dimensione domestica occupa uno spazio centrale nello stile di vita danese, ma quali sono gli altri aspetti importanti per la filosofia hygge? Ecco qualche altra informazione utile per chi ha subito il fascino della Danimarca e vuole far proprio questo mood.

3 elementi fondamentali:

  1. Bere e mangiare bene

    L’amore passa attraverso lo stomaco. I danesi amano sedersi intorno a un grande tavolo con amici e familiari durante un buon pranzo, magari dopo aver impastato qualcosa con le proprie mani.

  2. Amici e famiglia

    Come può esserci felicità senza condivisione? Creare un’atmosfera accogliente in casa non basta: per essere davvero hygge bisogna imparare ad assaporare questi momenti con le persone che amiamo.

  3. Luce e calore

    L’illuminazione giusta può fare la differenza. No alle luci fredde, sì a luce naturale e temperature calde. Oltre ai vari punti luce utilizza candele e, se hai la fortuna di averlo, accendi il caminetto!

I 5 pilastri dello stile di vita hygge

Lo stile danese ti ha stregato? Ecco una breve sintesi dei cinque aspetti più importanti del vivere hygge.

  1. Home: meno ristoranti alla moda e più cene a casa. Invita gli amici più cari e prepara qualcosa di semplice da gustare insieme. Non c’è bisogno di strafare, ciò che conta è il tempo passato insieme.
  2. Natura: hygge non significa vivere chiusi in casa, anzi! Le lunghe passeggiate in mezzo al verde sono un must del popolo danese, dunque lascia il cellulare a casa ed esci a prendere una boccata d’aria fresca.
  3. Semplicità: chiunque viva secondo lo stile di vita hygge è consapevolmente felice delle piccole cose della vita. Cosa significa? Dormire fino a tardi, fare colazione a letto, non lavorare nel fine settimana e prendersi del tempo per se stessi.
  4. Carpe diem: i ritmi frenetici della vita di tutti i giorni possono essere fonte di stress. La filosofia hygge invita a rallentare, restituendo a ogni momento il suo valore. Per essere felici non deve per forza accadere qualcosa di speciale: anche l’ordinarietà può essere straordinaria!
  5. Detox: smartphone, laptop, televisione: siamo iper connessi e sovraccarichi di informazioni. Prova a limitare l’uso del cellulare e a dedicare il tuo tempo ad attività offline, in perfetto stile hygge!

Ora hai tutto ciò che serve per trasformare la tua casa e, forse, la tua vita. Rallenta, rifletti e registrati gratuitamente su Westwing: scopri le nostre offerte per rendere la tua casa ancora più accogliente.

banner lifestyle