cucina open space

L’ambiente open space che comprende salotto e cucina è una soluzione contemporanea e di tendenza, ma è anche funzionale, perché ti permette di avere maggior spazio e luce, soprattutto nelle case dalla metratura limitata. L’open space piace anche perché favorisce l’interazione e la condivisione tra chi cucina e gli ospiti. Vediamo allora come arredare una parte importante di questo spazio: la cucina open space.

Cucina open space: 3 consigli prima di partire

Progettare uno spazio in cui convivano soggiorno e cucina può essere una vera sfida: l’ambiente deve essere esteticamente armonioso ma funzionale, e le soluzioni progettuali possono essere molto diverse tra loro. Vediamo da dove devi partire per iniziare il tuo progetto di cucina in open space.

  1. Valuta gli spazi che hai a disposizione. Un ambiente di 18 metri quadri deve essere studiato in modo diverso rispetto a uno di 40 metri quadri. Se nel primo dovrai inserire arredi ridotti e preferire una cucina lineare o a L, in uno spazio più ampio puoi sbizzarrirti e prevedere una vera e propria sala da pranzo, con tavolo e sedie e altri mobili, come una credenza;
  2. Scegli lo stile. La cucina dovrà armonizzarsi con la parte dedicata al soggiorno, e prima di partire devi scegliere colori, materiali e finiture dei due ambienti. Non è obbligatorio usare uno stile unico e preciso per tutti e due gli ambienti, ma puoi combinarne e mixarne diversi, usando un filo conduttore per creare un ambiente armonico (che sia un materiale o la palette di colori);
  3. Considera il tuo stile di vita. Quando progetti uno spazio (e una cucina) open space, devi fare una valutazione preliminare sulle tue abitudini e quelle della tua famiglia. La zona giorno, soprattutto se condivisa, deve essere un ambiente funzionale e comodo per tutti, oltre che esteticamente gradevole. Hai figli piccoli che giocano in soggiorno? Il tuo compagno lavora da casa? Sono tutti dettagli che possono trasformare molto lo spazio.

Cinque idee per dividere un open space

La vera sfida nell’arredare una cucina open space è quella di rendere visivamente armonico lo spazio, ma, allo stesso tempo, dividere le due aree senza utilizzare una parete. Le soluzioni sono moltissime. Noi ti diamo cinque spunti:

  1. Un’isola o un bancone

    Delimita l’area della cucina e ti permette di avere uno spazio di lavoro in più, su cui installare il lavabo e i fornelli, oppure da utilizzare come tavolo per il pranzo.

  2. Una parete a vetri

    Separa senza dividere. Moderna e tipica dello stile industriale, aiuta a mantenere le due zone concettualmente divise senza rinunciare alla luminosità.

  3. Il cartongesso

    Da usare per costruire una paretina o un muretto che suddivida lo spazio senza chiuderlo del tutto. La parete può essere attrezzata con mensole e ripiani: una soluzione utile e funzionale se il tuo open space non è molto grande e hai bisogno di ricavare spazio.

  4. Una parete scorrevole

    È una soluzione particolarmente comoda se hai figli o se lavori da casa e usi la zona giorno come ufficio. La parete scorrevole permette di mantenere la privacy dei vari membri della famiglia, e di aprirla quando serve.

  5. Pavimenti e pareti

    Basta scegliere due materiali diversi o due colori in palette ma a contrasto per differenziare subito due ambienti all’interno dello stesso spazio. Se ti piace, puoi usare una carta da parati nella zona soggiorno che richiami il colore delle pareti nella cucina.

Stili per una cucina open space

Lo stile di una cucina in un open space, come dicevamo, deve armonizzarsi con quello del resto dell’ambiente. Abbiamo scelto tre esempi di stili diversi, con suggerimenti per colori e materiali adatti ad arredare una cucina open space.

  • Shabby. Il legno è sicuramente il materiale must dello shabby, soprattutto su superfici decapate e appositamente invecchiate dal tempo. I colori? Di base il bianco, a contrasto con colori pastello e tinte neutre;
  • Moderno o contemporaneo.  Acciaio e vetro sono fondamentali quando si parla di stile moderno o contemporaneo. La cromatura dell’acciaio dona riflessi di stile che fanno divenire l’ambiente unico e chic. I colori? Bianco e nero con note accese, dal rosso all’arancione al giallo;
  • Classico. Ciliegio, noce e rovere sono i must degli arredi in stile classico, accostati al ferro battuto per dare un accento particolare. I colori sono neutri, come il crema e il beige, accostati al rosso mattone e al marrone per dare una nota country chic.

Suggerimenti:

Cucina open space: colori e illuminazione

Come abbiamo visto, il colore è uno strumento molto valido per arredare una cucina open space e per dividere visivamente lo spazio. In particolare, i tuoi alleati sono i colori chiari e luminosi, e le palette di neutri, da usare come fondo di base per creare armonia tra gli spazi, soprattutto se sono limitati e non particolarmente luminosi.

Anche l’illuminazione artificiale è fondamentale in una cucina open space, e ti aiuta anche a segnare le differenze tra i diversi punti dell’ambiente. Nella zona operativa, sul bancone, sui fornelli e sullo spazio di lavoro in generale, dovrai prevedere faretti e led potenti. Concentra i punti luce sull’angolo cottura e la zona dove mangiate, anche con lampadari a sospensione, soprattutto sul tavolo da pranzo.

La luce calda e d’atmosfera, le lampade da terra e le abat-jour sono, invece, più funzionali all’area relax e dove ci si intrattiene con gli ospiti, all’area lettura o studio.

Suggerimenti:

La cucina è il regno della casa e nell’arredarla devi sempre tenere in considerazione sia la praticità che lo stile. Noi siamo dei veri appassionati di arredamento di questo ambiente: leggi i nostri suggerimenti nella sezione dedicata alla “Cucina“.

banner arredamento