Accanto al divano, in camera da letto o nel tuo angolo lettura preferito: una poltrona può cambiare completamente l’aspetto di alcune delle stanze più vissute della casa. Ma quale scegliere, tra tanti modelli diversi? Scopri nella nostra guida quali sono i tipi di poltrone più comuni: oltre alle caratteristiche, leggi i consigli per individuare il colore adatto e creare abbinamenti impeccabili. Con qualche piccola attenzione, diventerà il tuo nuovo posto preferito dove rilassarti, chiacchierare con gli amici o ascoltare musica.

1. Poltrona di design

Se sei alla ricerca di un tipo di poltrona che faccia davvero la differenza, lasciati tentare dai modelli di design. Grazie a forme insolite e eyecatching, sono pensati per farsi notare, sia da soli sia vicino ad altri arredi. Materiali e texture possono variare, ma sono da prediligere queste tipologie:

  • Poltrone minimal con strutture rigorose in metallo e rivestimenti imbottiti
  • Poltroncine in legno, ma con forme moderne e appena accennate
  • Sedute in materiali sintetici con silhouette divertenti e colorate
  • Poltrone con forme morbide e sinuose, rivestite in tessuto, in stile anni Sessanta

Dal punto di vista cromatico, la scelta più classica cadrà sull’elegante bianco e nero, un must per gli interni contemporanei. Se invece preferisci qualcosa di più scanzonato, opta per le poltrone in plastica colorata, perfette anche nella camera dei bambini. Qualunque sia la tua scelta, potrai abbinarle a tappeti a contrasto, con pattern optical e motivi color block.

2. Poltrona senza braccioli

Se pensi che manchi qualcosa accanto al divano in soggiorno, abbina una poltrona senza braccioli. Come suggerisce il nome, questo modello ha una linea più pulita e semplice, che viene talvolta compensata da tessuti e dettagli di grande impatto. Tra i tipi di poltrone senza braccioli che puoi acquistare ci sono ad esempio:

  • Poltrona in velluto con struttura in legno scuro, ispirata agli anni Settanta
  • Poltrona in tessuto teddy, sbarazzina e di grande tendenza
  • Poltroncina glam con struttura in metallo color oro e rivestimento colorato

Ovviamente, prima della scelta finale valuta gli elementi già presenti nella stanza, partendo proprio dal divano. Se è un modello basic in grigio, osa con una poltrona in un colore vivace a contrasto, come ad esempio il giallo. Viceversa, nel caso di un sofà scuro potrai preferire un modello in bouclé bianco per alleggerire visivamente lo spazio.

3. Poltrona a dondolo

Chi non ha sognato, almeno una volta nella vita, di sprofondare in una comodissima poltrona a dondolo? Icona dello stile vintage, si è rinnovata nel corso dei decenni e oggi viene proposta in nuove rivisitazioni inedite. Lasciati tentare da:

  • Poltrona a dondolo in velluto rosa con base color oro lucido, super invitante
  • Poltrona a dondolo in stile scandinavo, con piedini in legno e rivestimento in tessuto bianco, perfetta anche come poltrona da allattamento
  • Poltrona a dondolo moderna con struttura in metallo nera e seduta essenziale

Ma dove posizionare questo tipo di poltrona? Sicuramente in un punto in cui attiri lo sguardo, come ad esempio un angolo lettura, da valorizzare con una lampada ad arco e un tavolino in abbinamento.

4. Poltrona con braccioli in legno

Preferisci una poltroncina in stile vintage? Tra i tanti tipi di poltrone, quella più adatta per te potrebbe essere la variante con braccioli. Ideale per assicurare il giusto comfort, può però sorprendere con svariate combinazioni materiche, come nel caso di:

  • Poltroncina classica con struttura in legno scuro e rivestimento in velluto chiaro
  • Poltrona scandi in legno chiaro con rivestimento in tessuto grigio tenue
  • Poltrona moderna con base in legno nero e seduta in tessuto bouclé bianco

Per creare una zona conversazione nel living, abbina due poltrone con braccioli e definisci l’area grazie a un tappeto. Al centro, posiziona un tavolino rotondo su cui appoggiare un vaso di fiori, qualche soprammobile originale o una piccola lampada da tavolo.

5. Poltrona oyster

Forse questo nome non ti dirà nulla, ma in realtà la poltrona oyster è un’icona dell’interior design. Si chiama così perché allude al particolare guscio dell’ostrica, che riprende nella forma dello schienale. Romantica e vezzosa, si inserisce bene in un ambiente moderno, ma con qualche accento retrò. Lascia che brilli di luce propria grazie a questi abbinamenti classici:

  • Poltrona oyster in velluto rosa, semplicemente magica in un salotto all’insegna del glamour
  • Poltrona oyster in velluto bianco, per spezzare il rigore di un living minimalista
  • Poltrona oyster in velluto turchese, rilassante e comoda in camera da letto romantica

Considerata la forma particolare, spesso abbinata a tonalità di carattere, ti suggeriamo di selezionare con cura la palette di colori. Se vuoi che la poltrona sia protagonista, mettila al centro dell’attenzione in soggiorno, accanto a una splendida finestra luminosa.

6. Poltrona girevole

Tra i tanti tipi di poltrone a disposizione non potevamo dimenticare quella girevole. La sua originale struttura permette solitamente di ruotarla di 360°, una caratteristica utile soprattutto per gli spazi piccoli. Questo modello, molto popolare soprattutto negli anni Sessanta, oggi viene proposto in differenti interpretazioni, per agevolare lo styling. Ecco qualche idea:

  • Poltrona girevole senza piedini, da appoggiare direttamente sul pavimento
  • Poltrona con base classica a X e seduta avvolgente imbottita
  • Poltrona con base cilindrica e seduta lineare senza braccioli

Il bello di questi tipi di poltrone è che le puoi accostare ad altri pezzi di design, per dare vita a un living scenografico. In più, se hai un home office tutto tuo puoi anche utilizzarle come seduta extra per gli ospiti.

7. Poltrona classica

Per finire il nostro excursus sui tipi di poltrone, dedichiamo qualche parola anche ai modelli più tradizionali. Sono proprio quello che immagini quando pensi a una serata tranquilla in casa, con un buon libro o davanti a un bel film. Tra le varie categorie, ci sono:

  • Poltrone in legno con schienale alto, braccioli e rivestimento classico in tessuto matelassé
  • Poltrone a orecchioni in stile anni Cinquanta, con piedini bassi e seduta in velluto
  • Poltrone imbottite con forme squadrate e sedute profonde, comodissime nella loro semplicità

In genere, le poltrone classiche devono essere abbinate al divano, per completarne l’ispirazione. Seleziona colori ton sur ton, che possano mantenere una buona armonia in salotto. Se desideri una poltrona con struttura in legno, assicurati che l’essenza sia perfettamente abbinata al parquet o ad altre finiture in legno. Infine, aggiungi morbidi cuscini e plaid: relax assicurato.

Hai già trovato quella che più ti piace tra i tanti tipi di poltrone? Se sei alla ricerca di altri consigli pratici, esplora la categoria “Soggiorno” e leggi tutte le nostre guide a tema!