Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Iscriviti per scoprire tutti i brand a -70%

Soggiorno con poltrona color champagne stelle dorate sul muro

Più luminoso del tortora e più deciso del nude, il color champagne è una delle tinte neutre più di tendenza per i prossimi mesi. Entrato di diritto nella palette dell’anno, lo puoi abbinare a nuance metalliche come l’oro e il rame, ma anche a sfumature più romantiche e delicate come il lilla. Per aiutarti a vestire living, camera da letto e altre stanze con questo colore super versatile, abbiamo realizzato una guida alla scelta di mobili, accessori e finiture. In alto i calici: è l’occasione giusta per brindare al nuovo look della tua casa!

Color champagne: consigli e abbinamenti

A metà tra il beige e il grigio, ma con un sottotono radioso che nasce dal mix di oro e argento, il color champagne è perfetto per illuminare un ambiente spento. Lo puoi usare per le pareti, le grandi superfici o per i piccoli dettagli: si presta infatti a moltissimi accostamenti geniali. Per utilizzarlo al meglio, basta seguire qualche piccolo consiglio.

  • Se stai ancora progettando la tua casa, allora hai carta bianca (anzi, champagne!) e puoi decidere di usare questo colore di tendenza per le piastrelle dei pavimenti o persino per i sanitari del bagno. Fai però attenzione alle finiture degli infissi e alla rubinetteria: per un tocco caldo e retrò usa l’oro, mentre l’argento è più moderno e freddo.
  • Nel caso di un piccolo make-over in una casa già arredata e finita, il color champagne è perfetto per le tende, i cuscini, la biancheria e tutti gli accessori tessili.
  • Per gli appartamenti piccoli, punta su questa tinta ultra luminosa per far sembrare subito tutto più arioso e spazioso.
  • Insieme al color champagne non abbinare mai più di altri due colori: tre è il numero perfetto per avere una casa cromaticamente ben ragionata.

Quali colori abbinare

Come tutte le altre tinte neutre, il color champagne può essere abbinato facilmente, ma funziona particolarmente bene con alcune tinte. Per non sbagliare, segui sempre la regola dei tre colori.

  1. Il colore di base deve essere neutro e si può usare per pareti, pavimenti e tessuti (tende, rivestimento del divano o del letto, cuscini, ecc.).
  2. Il colore intenso può essere usato solo per piccoli accenti colorati, di forte impatto, come accessori, decorazioni o al massimo per un solo mobile, come una poltrona.
  3. Il colore di rottura è neutro come quello di base e crea un’armonia generale, ma va usato per i mobili o gli accessori più defilati.

Lo champagne può funzionare sia come colore di base sia come colore di rottura, insieme a uno tra gli altri neutri, ovvero bianco, grigio, beige, avorio, nero, marrone o blu. Non dimenticare la nuova tendelza del greige! Per quanto riguarda il colore intenso, osa con il verde salvia, l’avio, il malva o l’oro. Un tris perfetto? Champagne, salvia e marrone.

Camera da letto color champagne

Se la tua priorità è creare una zona notte rilassante e chic, parti proprio da questa nuance spumeggiante e calda. Ci sono molti motivi per cui è amatissima dai designer d’interni, primo tra tutti il suo eclettismo. Veste perfettamente un letto moderno con rivestimento in tessuto, ma anche un modello più classico in similpelle con testiera matelassé.

Il color champagne trova la sua massima espressione in tutti gli elementi tessili della camera da letto, a partire da copripiumino, plaid, cuscini e tende, ma anche nel pouf o nella panchetta in velluto. L’idea romantica? Un letto con rivestimento in velluto color malva a cui abbinare copriletto e cuscini in raso in champagne.

Zona giorno color champagne

Proprio come la camera da letto, il living è la zona della casa dove ti rilassi e dimentichi il grigiore della giornata lavorativa. Per un tocco di positività e di luce, scegli questo colore neutro e avvolgente, adatto a piccoli o grandi elementi della zona giorno.

Ti piace lo stile Glam? Scegli un divano moderno con chaise longue, rivestito in velluto color champagne e con piedini color oro. Abbina un lampadario dorato di design e sul pavimento un morbido tappeto ton sur ton con trama geometrica. Il tocco finale? Una pianta tropicale da interno, come un banano o una monstera, inserita in un portavaso color oro.

Pareti color champagne: sì o no?

Per rispettare la regola dei tre colori è ovviamente possibile partire da pareti in champagne. Si tratta di una tinta sobria e tradizionale, che non corre il rischio di stancarti. Se cerchi un’ispirazione naturale, abbinala allo stile Scandi, che richiama il calore delle case del Nord Europa. Gli elementi distintivi di questo mood sono le finiture in legno grezzo, le decorazioni ispirate a un caldo minimalismo e un trionfo di cuscini, trapunte ed elementi tessili in cotone e lana.

Il nostro consiglio: in alternativa alla parete color champagne, puoi optare per una carta da parati con una fantasia che riprenda proprio questa sfumatura. Può essere un rigato bicolore, uno stile geometrico oppure un estroso motivo floreale.

Ti è già venuta voglia di dare un tocco di color champagne alla casa? Porta una ventata di novità in ogni stanza con i consigli e le offerte esclusive di Westwing: registrati e lasciati ispirare!