bianco perla

Vuoi dare un tocco prezioso agli interni, rimanendo su un terreno “neutro”? Il bianco perla è una scelta quasi scontata. Caratterizzata da riflessi brillanti e sfumature mutevoli, è una tinta dall’effetto lucido, come nel caso dei rivestimenti marmorei. In realtà, arredare col bianco perlato è più facile – e creativo – di quanto si potrebbe pensare, anche in spazi dallo stile naturale e rilassato. Il segreto è affiancare questa gradazione ai colori giusti e studiare bene le proprie mosse: dalla carta da parati damascata ai complementi d’arredo iridescenti, abbandonati alla voglia di esplorare!

Bianco perla: caratteristiche

Il bianco perla, anche detto iridescente o perlescente, richiama l’omonimo pigmento metallico di origine sintetica. Ottenuto da ossido di titanio fissato su base di mica, è usato dai pittori per conferire – una volta mischiato agli altri colori – un effetto argentato e cangiante. Anche se il codice RAL lo inserisce fra le gradazioni di giallo chiaro, rientra più comunemente tra le sfumature di bianco caldo che richiamano a volte l’avorio, a volte il grigio perla, in base a come si muove la luce. L’effetto iridescente del bianco perlato può ricordare il quarzo o, o appunto, le conchiglie di madreperla, caratterizzate da sfumature metalliche che cambiano al variare della luce.

Pareti bianco perla

Usato per dipingere le pareti, il bianco perlato può creare effetti decorativi molto interessanti. Ad esempio puoi optare per velature, finiture a specchio e rivestimenti materici con giochi di luce particolari. Oppure, abbinare una boiserie bianco perla a una vernice più scura, tendente al blu, per rivestire un interno prestigioso. In alternativa alla tinteggiatura – o alla carta da parati – puoi puntare sulle piastrelle in ceramica bianco perla: fra le opzioni più seducenti – per il bagno e non solo – ci sono anche i rivestimenti tridimensionali con onde e altre texture originali.

Il bianco perla può essere utile anche per dare un tocco ricercato alla cucina. In alternativa a mobiletti e pensili perlacei, puoi valutare un paraschizzi con texture a mosaico. Tessere e piastrelle lucide – anche con sfumature titanio – faranno risaltare al massimo una cucina bianco opaco. Per ammorbidire il tutto puoi puntare su portaspezie da parete e altri dettagli in legno chiaro. Se devi rinnovare gli infissi, infine, non sottovalutare il fascino delle maniglie per finestre color bianco perla.

I migliori abbinamenti con il bianco perla

Il bianco perla si caratterizza per i riflessi – più o meno accentuati, a seconda del materiale e della luce – che tendono al giallo e all’azzurro. Fra i colori più facili da abbinare a questa tonalità ci sono il grigio e le sfumature blu-grigiastre. Anche il blu oceano e il blu violaceo si abbinano facilmente al bianco perla, senza tralasciare le tonalità più chiare come il celeste pastello o il verde pallido. Ti consigliamo anche di sperimentare l’abbinamento con il rosa antico, capace di far risaltare alcuni riflessi nascosti di questo prezioso colore. Mixando queste gradazioni potrai ottenere interni super stilosi. Prova a integrare anche oggetti iridescenti come vasi, soprammobili e applique in vetro opalino, per creare riflessi azzurri e rosati ammalianti.

Suggerimenti:

Idee per ogni stanza della casa

Cangiante e luminoso, il bianco perlato può adattarsi a vari stili: non solo agli interni moderni con linee essenziali e superfici laccate, ma anche alle ambientazioni più classiche e nostalgiche. Ecco una selezione di spunti per usarlo nelle diverse stanze.

Soggiorno

Il bianco perla è una scelta piuttosto classica per un soggiorno elegante, ad esempio in combinazione con lampade, portacandele, cornici e altri oggetti con patina argento. Il living può arricchirsi anche di arredi dalle tonalità neutre, ad esempio taupe – optando preferibilmente per una sfumatura fredda – o grigio-blu. In alternativa agli oggetti con finitura metallizzata puoi optare per un look più naturale, puntando sul legno chiaro e sui dettagli nero opaco. Oppure, attingere al colore a piene mani: ad esempio, puoi impiegare il bianco perla come sfondo per un mix di turchese, smeraldo e giallo (anche in questo caso, meglio una nuance fredda come il giallo zinco).

Bagno

Sinonimo di eleganza e pulizia, il bianco perla si inserisce bene anche in bagno, facendo risplendere le superfici di sanitari e rivestimenti lucidi. Pavimenti e pannelli levigati in gres porcellanato effetto marmo, ad esempio, sono una scelta molto chic, anche insieme a mensole e accessori color grigio scuro. Per un look più fresco puoi applicare piastrelle madreperlacee dalla finitura variegata, con motivi e sfumature azzurre e grigio chiaro: da associare, volendo, a un parquet finto legno per un alleggerire l’atmosfera.

Camera da letto

Gli arredi bianco perla contribuiscono a rendere la camera elegante e sofisticata: immagina, ad esempio, una grande tenda in taffetà, circondata da comodini, copriletto e tappeti candidi, con decorazioni e complementi a contrasto. Oltre ai colori neutri – come il grigio basalto – puoi abbinare al bianco madreperla oggetti color turchese o rosa antico – anche con finitura dorata – per creare un’ambientazione molto glamour e femminile.

Hai visto quante emozioni può riservare il bianco? Scopri tute le altre nuance e le tonalità di bianco più belle con cui decorare la casa!