decluttering

Una vita più leggera, sia in senso fisico che mentale, è il sogno di molti di noi. La filosofia del decluttering ci insegna a eliminare il superfluo e riorganizzare casa in modo più efficiente, ed è la strada per raggiungere questo stato di leggerezza che ci fa attraversare con grazia la nostra vita domestica. Ma cerchiamo di capire insieme cos’è questo decluttering e come imparare a fare spazio in casa grazie ad alcune tecniche di organizzazione felice.

Cosa significa “decluttering”

Decluttering significa, letteralmente, “fare spazio”, ed è un insieme di tecniche che ti aiutano a liberarti di quello che non ti serve più. La parte più difficile di questo processo è proprio capire cos’è “superfluo” per noi ed imparare a eliminare quello che non ci serve più. Spesso gli oggetti non sono solo cose, ma portano una carica emotiva che può, a seconda di quello che ci ricordano e rappresentano, essere positiva o negativa.

Grazie al decluttering puoi imparare come liberarti di tutti quei vestiti che non usi più da anni e che strabordano dall’armadio, di quelle scartoffie che riempiono i cassetti della scrivania, di oggetti che s’impolverano sulle mensole. Ti serve a fare spazio per il nuovo, aprendoti al futuro e a nuove possibilità, anche immateriali, perché ti permette di avere la casa che desideri, in cui il disordine non ti soffoca più.

Il decluttering ha anche una funzione molto pratica: infatti, ti aiuta a organizzare gli spazi in modo più consapevole e funzionale. Con alcuni accorgimenti, può diventare anche una pratica ecosostenibile e che promuove il recupero e il riciclo! Non tutte le cose ti cui ti liberi devono per forza essere buttate, ma puoi regalarle, o donarle ad associazioni che le recuperano. Vediamo insieme da dove partire.

Da dove iniziare?

Una casa da riordinare può mandarti in crisi. Da dove partire per farlo in modo efficiente, veloce, e senza perdere l’entusiasmo dopo aver svuotato il primo cassetto? Prendi nota dei nostri cinque consigli!

  1. Compila un elenco delle zone da ripulire

    Fai un elenco preciso delle diverse zone e mobili da svuotare: armadio, cassettiera, mobile bagno… e non dimenticarti di aree chiave, come il ripostiglio! Ti aiuterà ad avere una visione d’insieme di quello che devi fare e a dividere il lavoro in compiti più piccoli.

  2. Procedi per gradi

    Per riordinare casa, non devi fare tutto insieme, altrimenti rischi di farti sopraffare dalla mole di lavoro che hai di fronte e di interrompere subito. Per partire e darti la motivazione giusta, bastano anche cinque minuti per riordinare un cassetto.

  3. Usa la tecnica delle quattro scatole

    Tenere, buttare, regalare, vendere: ecco come dividere quello che riordini. Aggiungi una scatola ulteriore, quella delle cose che puoi riparare e aggiustare: di sicuro hai qualcosa che giace da mesi in fondo a un cassetto solo perché non ci hai mai rimesso mano.

  4. Guarda agli oggetti con onestà

    Guarda ogni cosa e chiediti quand’è l’ultima volta che l’hai utilizzata. Se supera i 12 mesi, forse non è il caso di tenerlo. Per aiutarti nell’impresa, puoi farti alcune domande: “l’ho mai utilizzato?”, “mi è ancora utile o ho altro in casa che svolge la stessa funzione?”, “potrei sostituirlo con qualcosa di nuovo?”.

  5. Agisci di pancia

    Un altro modo per capire se è il caso di tenere o buttare un oggetto è quello di chiederti che emozioni ti suscita, come suggerisce l’ormai famoso metodo Marie Kondo per imparare a riordinare. Dovresti conservare solo le cose che ti rendono felice. Spesso facciamo fatica a liberarci degli oggetti non tanto perché crediamo che ci servano ancora, quanto perché ci ricordano qualcosa che oggi non c’è più, e spesso questo ci appesantisce a livello mentale ed emotivo. Leggi anche: Decluttering mentale: liberati da stress e pensieri negativi.

Se vuoi approfondire: Come riordinare casa velocemente: 5 consigli pratici.

Scatole per organizzare gli spazi:

Decluttering in casa stanza per stanza

Ora che hai preso appunti su come iniziare a fare decluttering, passiamo in rassegna ogni stanza della casa e iniziamo a riordinarla! Esistono numerosi trucchi per fare decluttering in modo efficace, stanza per stanza.

Camera da letto

La camera da letto è forse l’ambiente che spaventa di più, perché è quello in cui più facilmente accumuliamo vestiti, accessori, calze… che si possono stratificare negli anni fino a far diventare il nostro armadio un buco nero in cui non troviamo più nulla. Prendi un bel respiro e parti proprio da qui: quando avrai finito il compito più difficile ti sentirai subito meglio, e dopo aver ammirato il risultato avrai le energie necessarie per procedere con gli altri ambienti. Un consiglio: comincia dalle cose più semplici come rifare il letto ogni mattina!

Ma come organizzare l’armadio? Il consiglio è quello di tirare fuori di volta in volta tutti i capi che hai dello stesso tipo: camicie, jeans, giacche, t-shirt, gonne… e di “esporli” sul pavimento. In questo modo avrai una visione a colpo d’occhio di quanti vestiti hai, e ti renderai conto di quali non usi più ormai da tempo. Questo è il momento migliore per fare anche decluttering dell’armadio: elimina il superfluo e fai spazio! Non dimenticarti anche di mettere in ordine le borse, regalando o dando in beneficenza quelle che non utilizzi più e posizionando in maniera furba quelle che sfrutti di più.

Rimetti a posto quei vestiti che erano finiti nel posto sbagliato, acquista un organizer per gli accessori, porta da una sarta tutto ciò che può o deve essere sistemato, accorciato, ristretto. Per avere un guardaroba ordinato, con pochi pezzi intercambiabili, puoi seguire il concetto di “capsule”, cioè tieni al massimo 10/15 capi che puoi combinare tra loro in molti modi (ad esempio una giacca nera o una camicia bianca).

Decluttering in cucina

La cucina è uno spazio che assolve molte funzioni, dal cucinare al rilassarsi insieme alla famiglia, fino al cenare con gli amici. Più funzioni significano oggetti molto diversi tra loro che si accumulano in questo spazio.

Come in camera, la cosa più utile per fare decluttering in cucina è dividere lo spazio per sezioni, tirare fuori quello che hai e valutarne la vera utilità: hai tre servizi di piatti ma ne usi solo uno? Non c’è un bicchiere uguale all’altro perché negli anni se ne sono rotti molti? Hai due bilance per il cibo e di una avevi dimenticato l’esistenza? Valuta ogni cosa e se puoi regalare oppure vendere a un mercatino dell’usato quello che ancora funziona ma non ti serve più.

Prima di rimettere a posto, fai uno schema delle varie parti della cucina per organizzare gli oggetti sulla base del loro utilizzo. Nel cassetto più vicino ai fornelli avrai le cose che usi tutti i giorni per cucinare, nei ripiani più alti i piccoli elettrodomestici che usi una volta ogni tanto, e così via.

Occupati di riorganizzare anche frigorifero e dispensa, buttando quello che è scaduto e usando ogni ripiano e mensola in maniera razionale: da una parte pasta, riso e farine, da un’altra olio e condimenti, poi biscotti e prodotti per la colazione, tonno in scatola e altro scatolame, e così via.

Anche il frigorifero può essere riorganizzato in modo efficiente ed ecologico: riponi ogni alimento sul ripiano corretto (lo trovi nelle istruzioni del tuo frigorifero), fai una lista della spesa un po’ più corta del solito e poi segui i nostri consigli per riorganizzare il frigo.

Organizzare il bagno

I mobiletti del bagno sono spesso stracolmi di cosmetici, make-up, creme, medicinali. Se vuoi fare decluttering in bagno, puoi dividere il lavoro in due modi: per tipologia di prodotti oppure per zone (la mensola nella doccia, l’armadietto sopra il lavandino, i cassetti del mobile).

La prima cosa da fare è mettere da parte i medicinali scaduti, che dovrai portare in un centro di smaltimento rifiuti oppure in una farmacia: ricordati che i farmaci non vanno smaltiti nei rifiuti normali. Anche i cosmetici hanno una scadenza, dopo la quale utilizzarli è rischioso perché possono provocare dermatiti o reazioni allergiche.

Per riorganizzare i cassetti ed evitare di ricominciare a riporvi i prodotti in modo casuale, acquista organizzatori in plastica da inserire nei cassetti, dove puoi suddividere gli oggetti in modo ordinato. Tieni a portata di mano e bene in vista le cose che utilizzi tutti i giorni, come spazzolino, dentifricio, spazzola, crema da viso… così da non dover ogni volta frugare nei cassetti e negli armadietti per trovarli.

Suggerimenti:

Zona giorno

La zona giorno e il soggiorno sono gli ambienti dove trascorriamo più tempo in casa, ancora di più se è un open space con la cucina o se lavori da casa e qui hai adibito la zona ufficio. Qui ci rilassiamo, leggiamo, guardiamo la tv, lavoriamo e i bambini giocano, ed è normale accumulare oggetti con utilizzi diversi.

Per organizzare il decluttering della zona giorno, potresti dividere le cose da fare in questo modo:

  • L’elettronica: la tv, cavi, lettori dvd, telecomandi e altro: porta in un centro di smaltimento tutto quello che non funziona, cavi e cavetti che non sai più a cosa si collegano, acquisti coprifili e copricavi per riordinarli;
  • Libri e suppellettili: fai una cernita di quello che hai sul mobile tv, la parete attrezzata ed eventuali librerie. Porta i libri che vuoi smaltire in una libreria dell’usato e smaltisci tutti quei soprammobili che non ti piacciono più e ti rendono solo difficile spolverare;
  • Zona ufficio e scrivania: questa è una parte in cui si accumula molta confusione, in un tripudio di penne, cartelline, agende, carta per la stampante… Svuota i cassetti, butta tutto quello che non funziona più e acquista delle scatole dove riporre le cose senza lasciarle in vista: ti sembrerà tutto subito più ordinato. Poi segui i nostri consigli per organizzare la scrivania.

Ingresso e corridoio

Anche queste due zone di casa possono diventare un luogo di accumulo, con tavoli e tavolini dove appoggiamo borse e chiavi appena rientrati in casa, librerie, guardaroba, credenze, appendiabiti, porta scarpe… il disordine in ingresso e in corridoio è sicuramente quello più in vista di tutti, e quello dove spesso finiscono oggetti destinati ad altre stanze.

Inizia da questi, e riportali negli ambienti di origine. Poi, dopo aver esaminato mobile per mobile tutto quello che hai appoggiato o accumulato, riponi nei cassetti, in scatole o portaoggetti chiusi tutto quello che non ti serve quotidianamente e crea solo confusione. Lascia a portata di mano solo quello che usi ogni volta che esci o rientri a casa: uno svuota tasche per le chiavi, cappotto e giacche che usi in questa stagione, un solo ombrello.

Manca qualcosa? No, abbiamo pensato anche alle zone meno belle ma più funzionali della casa, come, ad esempio, il garage: Come organizzare il garage al meglio.

5 consigli pratici

Terminiamo il nostro viaggio nel decluttering con gli ultimi cinque consigli che ti aiuteranno a organizzare casa in modo efficiente e anche ecologico.

  1. Chiudi tutto in una scatola: un altro trucco per capire se qualcosa ti serve davvero o se non hai il coraggio di liberartene, è chiuderla in una scatola e controllare quante volte la tiri fuori per utilizzarla. Datti un limite di tempo, ad esempio un mese. Allo scadere del tempo, tutto quello che non hai mai tirato fuori può essere eliminato;
  2. Non vale spostare! Non limitarti a spostare le cose, ad esempio in soffitta o in garage: per fare un vero decluttering devi far uscire fisicamente gli oggetti dalla tua casa, che sia per buttarli, per portarli a un mercatino dell’usato, o per regalarli a qualcuno a cui possono servire;
  3. La tecnica del furoshiki: puoi dare nuova vita a vestiti e tessuti impacchettando i regali con il furoshiki, la tecnica giapponese per annodare la stoffa. Una vecchia gonna, un foulard, una maglietta che non usi più possono essere tagliati in piccoli quadrati e poi usati per avvolgere i regali;
  4. Ricicla gli occhiali: lo sapevi che anche gli occhiali da vista si possono riciclare? Esistono organizzazioni che raccolgono occhiali obsoleti, li puliscono, riparano, classificano per gradazione e poi li redistribuiscono nei Paesi in via di sviluppo, oppure agli anziani bisognosi nelle RSA;
  5. Mantieni ordine e pulizia: dopo aver fatto decluttering di tutta la casa, è arrivato il momento di mantenerla pulita e in ordine in maniera efficiente, per non rischiare di ritrovarti di nuovo sommersa dal disordine. Per questo abbiamo creato un’intera sezione dedicata a “Ordine e pulizia“, dove troverai consigli per tenere in ordine tutte le stanze e le zone di casa!
banner guide e consigli