Grigliata di Pasquetta

La grigliata di Pasquetta sancisce l’avvio ufficiale della stagione outdoor. La tradizionale gita fuori porta è un rito molto atteso che fa rima con amici, spensieratezza, aria fresca e buon cibo. A base di carne o vegetariana, all’aria aperta o indoor, allargata o per pochi intimi. La grigliata perfetta – classica o in versione alternativa – non può prescindere da un menu semplice, ma ricco, e da una mise en place accattivante, di ispirazione rustica o country chic. Scopri come personalizzarla e come creare un evento coinvolgente anche se il meteo non gioca a tuo favore.

Dove organizzare la grigliata di Pasquetta

La gita di Pasquetta è sinonimo di primavera, pic nic all’aria aperta, chiacchiere in compagnia e relax. Crogiolarsi sotto i raggi del sole, seduti su una coperta a sgranocchiare delizie; magari, dopo pranzo, tirare quattro calci al pallone o fare due passi per digerire l’abbuffata. È l’immaginario classico della Pasquetta, tradizionalmente ambientata in parchi, prati di collina o lungo gli argini, fra primule e canti di uccellini. Non sempre, tuttavia, si ha la possibilità di organizzare una scampagnata nei dintorni. Vuoi perché il meteo fa le bizze, vuoi perché si decide di organizzare la festa in casa, per scelta o per necessità.

Anche il proprio giardino – specie se addobbato con ceste di fiori, ghirlande, uova colorate e decorazioni sospese – può trasformarsi in un set accogliente per la grigliata di Pasquetta. In alternativa, la festa può ambientarsi in terrazzo o – in caso di pioggia – nel living. In quest’ultimo caso, puoi optare per il buffet in piedi o per una grande tavolata, imbandita con golosità di ogni tipo. Qualunque sia la formula, il successo è garantito se il menu è ben scelto e se la presentazione è all’altezza!

Consigli per una grigliata di Pasquetta perfetta

Come da tradizione, amici e parenti fanno a gara per autoproclamarsi re del barbecue, una sfida sempre molto agguerrita. Quali sono i segreti per realizzare una grigliata impeccabile? La prima regola è prendersi il tempo necessario per preparare la brace e per dosare il calore, senza farsi prendere dalla fretta. La carne va rigorosamente grigliata a temperatura ambiente, non appena estratta dal frigorifero; possibilmente, dopo averla fatta marinare per qualche ora con olio, limone, vino e spezie. La marinatura, infatti, la rende più morbida ed evita che risulti troppo secca e che si bruci facilmente in cottura.

Grande attenzione va riservata ai drink, a cominciare dalla birra e dal vino rosso, perfetto per accompagnare la carne. Il discorso cambia, ovviamente, se vuoi servire una grigliata mista di pesce, per cui è preferibile il bianco. Puoi intrattenere i tuoi ospiti anche con spritz e sangria, senza scordare ovviamente gli aperitivi e le bevande analcoliche.

Il vero segreto della grigliata di Pasquetta è la compagnia, ma conta molto anche l’atmosfera. Dedica la giusta attenzione anche alla mise en place e alla scelta di stoviglie a tema, coordinate o a contrasto. Magari, gioca sui colori pastello per celebrare la primavera. Non tralasciare i dettagli! Dai tovaglioli colorati ai portaposate, dal centrotavola alle ghirlande floreali, fai valere il tuo estro per aggiungere un pizzico di originalità e creare la cornice giusta.

Grigliata di Pasquetta: non solo carne

A Pasquetta la griglia si prepara ad accogliere un’invasione di salsicce, costine di maiale e altri assaggi sostanziosi: ad esempio, polpette avvolte nel bacon che emanano un profumino succulento sfrigolando nei piatti. Ah, non dimenticare la carne bianca – come le alette di pollo – per accontentare tutti, anche chi desidera stare leggero. Ciascuno ha le proprie ricette di famiglia, ma spezie e salse non possono mancare! Dall’immancabile salsa barbecue al cumino, sono tante le idee per insaporire la carne e renderla più sfiziosa. A partire dal tipico mix di spezie mediterraneo, a base di timo e rosmarino con eventuale aggiunta di origano, menta e aglio. Ottimo anche per marinare la carne – insieme a olio e limone  – prima di posizionarla sulla griglia, operazione che migliora la qualità della cottura e contrasta l’effetto “bruciacchiato” e la formazione di sostanze cancerogene. Via libera alla creatività anche per il pesce! Le mazzancolle, ad esempio, possono essere insaporite con paprika e aglio. I tranci di tonno, invece, risultano ancora più invitanti se impanati con semi di sesamo dopo averli passati nell’olio e nel limone.

Fra i contorni spopolano le verdure grigliate, protagoniste di sontuosi barbecue vegetariani che poco o nulla hanno da invidiare al classico menu di carne. Oltre a coloratissimi spiedini, puoi servire le tipiche pannocchie di mais “american style”, accompagnate magari da una maionese vegan senza uova. E inoltre patate al cartoccio, cipollotti e altre specialità stuzzicanti, come le melanzane affumicate con menta e yogurt. In alternativa alla carne, perché non puntare sui formaggi alla griglia – come il tomino –, sul tofu marinato o sui burger vegetali? Puoi realizzarli con fagioli, piselli, lenticchie e altri legumi, aggiungendo verdure e spezie a piacere. Ricordati di cuocerli in forno prima di scottarli sulla griglia. Per chiudere con un tocco di freschezza, che ne dici di un succoso ananas grigliato?

E la mise en place?

Dopo aver stabilito il menu, concentrati sulla presentazione. La mise en place perfetta dipende da com’è organizzata la grigliata. Se hai intenzione di ambientarla nei boschi, la praticità viene al primo posto e hanno la priorità cestini, thermos e tovaglie resistenti, per gestire facilmente le vivande. Praticità sì, ma sempre in chiave  green! Evita gli sprechi e le stoviglie usa e getta e fai del tuo meglio per non disseminare rifiuti e lasciare l’ambiente pulito come l’hai trovato (se non di più).

Se la grigliata di Pasquetta si svolge fra le mura domestiche, puoi curare al massimo la presentazione, divertendoti a coordinare piatti, bicchieri, tovaglioli in base all’atmosfera che vuoi creare. Puoi puntare sullo stile fast food ed esporre una collezione di coprivivande che lasciano intravedere le bontà contenute al loro interno, utili anche per proteggere il cibo dagli insetti. Scegli accessori rustici per servire hamburger e hot dog e, per mettere in bella mostra salse e finger food, sbizzarrisciti con piatti e ciotoline colorate. Se ami lo stile shabby chic, il buffet può arricchirsi di cestini, barattoli di latta e contenitori smaltati per posate e utensili. Inoltre, con vassoi e brocche vintage per le bevande o per esporre i primi fiori colti in giardino, ad esempio un bel mazzetto di narcisi.

Nulla vieta di allestire una tavola più elegante, con piatti bianchi, calici in vetro affusolati e posate con manico decorato. Una fresca tovaglia in lino, e un set di segnaposti realizzati con fiori e rametti, possono contribuire all’aria ricercata della tua mise en place. Se disponi di un tavolo in legno dall’aspetto vissuto, puoi fare a meno della tovaglia e limitarti alle tovagliette o a un runner scenografico. In alternativa, per restare in linea con lo stile country chic, ti consigliamo una tovaglia color tortora, a scacchi o tinta unita, decorata con volant e balze. Il romanticismo è servito!

Cosa fare a Pasquetta: idee in casa e all’aperto

Come ben sappiamo, il tempo a Pasquetta è piuttosto imprevedibile: molto spesso piove, o per altri motivi è giocoforza restare in casa. È una scusa valida per annoiarsi? No di certo: anche in modalità outdoor si possono organizzare tante attività per stare insieme e per trascorrere momenti spensierati. L’ideale è attrezzarsi con teli, cuscini, sedie e arredi da esterni che, all’occorrenza, possono essere sistemati in terrazzo o in giardino ed eventualmente, se il tempo cambia all’improvviso, essere ritirati in casa. L’importante è creare uno spazio comodo e accogliente dove rilassarsi in compagnia. Volendo, ci si può dedicare ai giochi di gruppo. Dagli intramontabili giochi in scatola ai mimi, passando per i giochi più creativi, ogni pretesto è buono per tornare un po’ bambini. Se il sole splende, c’è spazio per attività più dinamiche, come una passeggiata lungo i sentieri di campagna o per attività ludiche en plein air. Sempre nel rispetto delle distanze di sicurezza, com’è naturale, ma senza rinunciare al divertimento!

Hai già pensato a come decorare casa per Pasqua? Leggi le nostre guide a tema “Decorazioni pasquali“, troverai tantissimi consigli utili!

banner guide e consigli